Carne “vegana”


(5) Carne Coltivata - Recensioni.clipular.png

(2) Carne Coltivata - Recensioni.clipular.png

“Una volta ero un vegano etico di quelli convinti. Poi un giorno un carnista mi disse “Vegano del piffero, se ti trovassi in un’isola deserta abitata da soli conigli, voglio vedere chettemagni!”. Vi giuro, questa frase ha cambiato radicalmente la mia vita. Ho cominciato a pensarci ossessivamente, tanto che alla fine non ho potuto fare altro che constatarne l’assoluta logicità. Ha assolutamente ragione, in un’isola deserta con soli conigli, cosa mai potrei mangiarmi? e con questo pensiero in testa sono ritornato onnivoro ed ho ricominciato a mangiare animali. Una sera, mentre stavo cenando e mi gustavo una bella bistecca mi è capitato di vedere “Alive Sopravvissuti”, un film dove un aereo che sta andando in Cile, si schianta sulle Ande e tutti i sopravvissuti per non morire sono costretti a mangiare i cadaveri dei loro compagni. Così ho cominciato a pensare ossessivamente a quel film. E subito tutto mi è sembrato così logico. Se mi trovassi sulle ande, in mezzo al nulla cosmico, circondato solo dai cadaveri dei miei compagni, cosa mai potrei mangiarmi? e con questo pensiero in testa sono diventato cannibale. Qualche tempo dopo, mentre stavo sgranocchiando le dita pacioccose di un bimbetto appena cotte e intanto controllavo le notifiche su facebook, mi è capitato di assistere all’ennesimo dibattito tra un vegano esaltato ed un carnista assolutamente rispettabile. Quest’ultimo, giustamente, faceva notare che dobbiamo mangiare carne perché è una cosa che facciamo dalla preistoria. Questa frase mi ha colpito tremendamente. Ha una sua logica consistenza interna, mi sono messo a pensarci ossessivamente e visto che non ho trovato nessun appiglio logico per controbatterla, l’ho abbracciata completamente. Così mi sono dato al commercio di schiavi. E ho cominciato a girare con una clava, perché quando trovo una femmina che mi aggrada, la prendo a clavate in testa e la posseggo. Poi quando mi stanca, la porto nel bosco, la lego ad un palo e le do fuoco, così, per appagare il dio della pioggia e dei tuoni. Tanto sono cose che facciamo dalla preistoria, quindi non vedo un solo motivo valido per non continuare a farle. Infine, qualche giorno fa, mentre guardavo il cielo stellato mi è capitato di vedere una stella cadente. Si lo so che non è veramente una stella, anche se viene chiamata così. Mi sono messo a pensare a cosa potrebbe accadere se una cometa o un meteorite precipitasse sulla terra. La fine della vita. Questa cosa mi ha lasciato un segno indelebile nella mente. Ho cominciato a pensarci ossessivamente. Cioè se un meteorite precipitasse sulla Terra moriremmo tutti. E con questo pensiero in testa mi sono suicidato.”

(cit. Nonno Paolone – Vegan Warrior )

Annunci

No vax!


Di Patrizia Miotti:

 

 

Un importante testimonianza su un tema attuale molto controverso e che deve essere dibattuto!

Fistulazione


 

 

Vergognoso il progresso, vergognoso il profitto!

maxresdefault.jpg

“Una Mucca fistulata è una Mucca con un foro praticato intenzionale in essa al fine di “ricerca scientifica”. La fistulazione, da oltre 150 anni, è stata utilizzata per osservare i processi digestivi degli Animali vivi, con il suo primo uso “scientifico” registrato sugli Animali risalente al 1833. In tempi moderni, i ricercatori installano un dispositivo di plastica chiamato “cannula” nell’addome aprendo così una “finestra” di accesso costante sullo stomaco dell’Animale. Con ciò, osservano la velocità con la quale la Mucca digerisce vari alimenti e quali sostanze chimiche/processi biologici, il cibo subisce. I ricercatori chiamano questi fori, fatti chirurgicamente, fistole…i quali sono coperti da una cannula del diametro di circa 15 cm tramite una membrana trasparente, una sorta di copertura dal mondo esterno. Sono utilizzati per testare la digeribilità dei vari alimenti del bestiame, per alimentare direttamente ed in modo specifico le mucche, e per osservare come il cibo passa attraverso il loro stomaco, e soprattutto per vedere come viene elaborato. Il tutto con l’unico scopo di prolungare la vita della Mucca e conseguentemente di prolungare e massimizzare la produzione del latte nell’allevamento, il che equivale a maggiori e più duraturi profitti…per l’allevatore ovviamente!”

Laverabestia.org

 

 

 

 

Opportunismo


 

fuck

Si presume che nei prossimi anni la lotta nei confronti dello sfruttamento Animale debba mutare irrimediabilmente. É indispensabile cambiare le proprie posizioni, soprattutto in merito a mezzi e strumenti utili a rivoluzionare stili di vita ed atteggiamenti complici di speculazioni e genocidi. É importante fare ció perché il sistema di potere capitalista sta già reagendo alle opposizioni più che legittime, e purtroppo alcune parti in causa di questa lotta essenziale sono state già inglobate in questo opportunismo commerciale. Un esempio concreto é il veganismo salutista entrato a far parte ormai della grande distribuzione, allontanandosi quindi da un concetto etico e consapevole. Il business green presumibilmente sostenibile é la nuova strategia del marketing odierno in risposta alle ovvie esigenze dei consumatori, stimolati anche da esperienze personali o testimonianze negative. E come non valutare con profonda riflessione studi ed esperimenti recenti utili a ricavare carne prodotta in laboratorio da cellule di Animali morti o ancora vivi. Le continue e giuste investigazioni dentro gli allevamenti intensivi stanno generando una radicale iniziativa per mutare le situazioni penose e sacrificate di miliardi di esseri viventi. Migliorare le condizioni d’allevamento non significa liberare gli Animali da profonde sofferenze, ma solo ucciderli più ipocritamente. Tutto ció potrebbe provocare uno stravolgimento nelle coscienze di ognuno, o peggio di chi sta già affrontando un percorso consapevole. Infatti il danno peggiore si avrà proprio da quei protagonisti che gridano al miracolo davanti al prossimo veggie burger.

 

Foto prelevata dal web