Il genocidio Animale colluso con la cristianità.


Come confondere facilmente un credo religioso con l’ingordigia popolare, ovvero mangiare a sbafo senza nessuna cognizione di causa.

Tra pochi giorni si celebrerà come ogni anno la ricorrenza religiosa della pasqua cristiana. Senza voler additare credenze personali, che in questo luogo non hanno motivo di essere contestate, è doveroso fare una breve considerazione su cosa rappresenta oggi la festa tradizionale in occasione di giorni particolari in cui il culto padroneggia.

Partendo dal presupposto che le sacre scritture hanno tramandato nei secoli un apprendimento forse falsato, o male interpretato, ai giorni nostri le ricorrenze religiose sono principalmente motivo di incontro e condivisione. Che questa emancipazione si traduca in consumo, e quindi sperpero, la colpa ovviamente non è della fede sotto forma di devozione ma principalmente di un’estremizzazione dell’evento in sè. La fedeltà storica indica da più parti alcuni riferimenti che dovrebbero principalmente coinvolgere le menti assoggettate al proprio credo. Le teorie interpretate a casaccio sono molteplici, le litografie innumerevoli. I quadri e gli affreschi storici che rappresentano poveri Animali sgozzati, con tanto di sangue versato a fiumi, sono di gran lunga visibili un po’ ovunque.
Perchè ricevessimo l'adozione a figli. «Lo spogliarono della sua tunica» (Gen 37,27) - Arcidiocesi Bari-Bitonto.clipular.png

Un esempio caratteristico proviene dall’arcidiocesi di Bari-Bitonto:

Perchè ricevessimo l’adozione a figli. «Lo spogliarono della sua tunica» (Gen 37,27).”

Ma come nasce questa tradizione arcaica che prende il nome di “l’Agnello che toglie i peccati dal mondo”?

Non è difficile vedere in questi giorni manifestazioni popolari in cui poveri cuccioli d’Agnello vengono rappresentati come omaggio di sacrificio a persone autorevoli in segno di stima ed affetto. Il regalo acquisito viene dunque recepito come ringraziamento e dono per attività personali svolte in privato o pubblico impiego. L’Agnello viene visto come oggetto di culto venduto o omaggiato in segno di pace e prosperità. La tradizione tramandata di secoli in secoli ancora oggi continua imperterrita nonostante le continue proteste animaliste, le quali cercano con estrema difficoltà di allontanare sempre più persone da questa mattanza inutile ed immotivata. Le ricorrenze si sa sono intoccabili, e molti non vogliono farsi coinvolgere in diatribe o dibattiti scomodi che potrebbero creare attriti familiari o di libera convivenza. E’ un classico assistere alle celebri tavolate domenicali in cui qualcuno, forse più motivato, cerca educatamente di rifiutarsi alla pietanza classica: “No grazie, io non mangio carne.”

Non se ne esce così facilmente, non se le continue manifestazioni fuorvianti continuano a diffondersi senza neanche un minimo di riflessione. Probabilmente se si analizzassero bene i dati delle vittime Animali qualcuno potrebbe avanzare uno stop decisivo alla crudeltà mistificata: quest’anno circa un milione di macellazioni solo di Agnelli. Meno rispetto ai quasi 4 milioni del 2016, ma comunque sempre tanti. Stiamo parlando di esseri viventi con poche settimane di vita, cuccioli per lo più strappati al tepore materno.

Quale sacrificio può ritenersi giusto rispetto alla dignità di una vita? Assolutamente nessuno.

Ma non è difficile immaginare altre vedute, soprattutto tra gli affezionati al carnismo, ovvero quella pratica così definita: un sistema di credenze, o ideologia, legata al consumo di prodotti Animali in special modo la carne e i suoi derivati. Non ne sono esclusi gli esseri viventi acquatici e volatili ovvero tutti i Pesci, gli Uccelli e gli Insetti. Anche se quest’ultimi non sono stati ben assimilati dalla cultura occidentale presto lo diventeranno, insieme ad altre specialità culinarie come quelle legate al consumo di Rettili, altri Mammiferi quali Zebre, o Larve, o altro non ancora ben definito. Il mercato si espande verso nuovi orizzonti, quindi le tradizioni contano ben poco quando la ricerca infinita del profitto prende il sopravvento. Basti pensare ad altre culture con ben altre ricorrenze di culto rispetto alla cristianità.
original_04-Food-in-Vogue.jpg

Viene facilmente da pensare che eliminando le consuetudini di massa dal calendario la rivoluzione potrebbe decollare. Magari fosse così semplice. Certamente i costumi e gli usi ricorrenti sono responsabili di cattive pratiche non propriamente benefiche per la collettività. Questo perchè massacrare un milione di Agnelli non è proprio un gesto moralmente e costruttivamente giusto.
lamb.jpg

Eppure c’è chi afferma con strafottenza che ognuno è libero di mangiare e fare ciò che vuole, la democrazia ha insegnato questo. Ma la democrazia è direttamente partorita dal capitalismo moderno, ed esso non è propriamente la tipica libertà di espressione e parola. Le rigide regole dell’economia moderna, falsamente interiorizzata, non permettono realmente e volontariamente una libera evoluzione della morale. Si sa, il corporativismo non è esattamente un semplice scambio di beni e servizi.

 

Per cui invito “i puristi” della Decrescita qui presenti ad intervenire con solide basi per ottenere, almeno in teoria, nuove pratiche rivoluzionarie che possano proporre un alternativa al genocidio in atto (non vederlo è da sprovveduti).

Come dice giustamente Guido Ceronetti (poeta, filosofo, scrittore, giornalista e drammaturgo italiano): “Tutte le torture, i patimenti, i terrori inflitti agli Animali appartengono legittimamente al dolore infinito della storia e ne modificano il senso…se ne abbia uno!”

 

Foto in evidenza di Gerhard Haderer

Annunci

Ha vinto Israele, la Palestina è morta.


Ma è adesso che cominciano i guai veri!

Dopo Gerusalemme capitale, Netanyahu ha ridotto l’opposizione armata dei palestinesi a un problema di ordine pubblico, ha incrementato la politica degli insediamenti, e il suo partito Likud ha proposto l’annessione diretta di tutti gli insediamenti di Giudea e Samaria: la causa palestinese è morta!

“Non ci sono molti modi per dirlo e l’unico che abbia senso è il più diretto e brutale: la causa palestinese è finita. Non si tornerà alla Linea Verde e agli pseudo-confini in essere tra il 1949 e il 1967, Gerusalemme Est non sarà mai la capitale dello Stato di Palestina anche per la semplice ragione che non ci sarà mai uno Stato di Palestina. Benjamin “Bibi” Netanyahu, primo leader del Governo a essere nato nello Stato di Israele, quattro volte primo ministro e secondo premier più longevo dopo il padre della patria David Ben Gurion, ha vinto. Ha ridotto l’opposizione armata dei palestinesi a un problema di ordine pubblico, ha incrementato la politica degli insediamenti (oggi il 10% della popolazione israeliana vive nelle “colonie”), il suo partito Likud ha proposto l’annessione diretta di tutti gli insediamenti di Giudea e Samaria (chiamate “aree liberate”), lui si è presentato agli elettori con la promessa che lo Stato palestinese non sarà mai creato (e l’hanno rieletto), si è fatto dare soldi e armi da Obama e Gerusalemme da Trump.

Ieri bastava guardare su Internet per averne la dimostrazione plastica. A Gerusalemme, il vice presidente Usa Mike Pence si diceva felice di essere “nella capitale di Israele”. E quando alla Knesset, il Parlamento, i deputati arabi ha provato a contestarlo, la sicurezza li ha ramazzati via dall’aula tra gli applausi dei loro “colleghi”. Nelle stesse ore, Abu Mazen, a Bruxelles, chiedeva alla Ue di riconoscere lo Stato di Palestina in maniera definitiva, e non solo “in linea di principio” come già fatto nel 2014. Forse ignaro del fatto che in Europa solo 5 nazioni hanno fatto quel passo e, soprattutto, inconsapevole della triste realtà: più è cresciuto il numero dei Paesi che hanno riconosciuto la Palestina (siamo a 130), più è cresciuto il controllo di Israele sulla Palestina stessa. Controprova: più cala il sostegno diplomatico a Israele (la mozione di condanna della decisione Usa su Gerusalemme è stata respinta da soli 7 Paesi, in maggioranza scartine), più aumenta il potere di Israele sui palestinesi.

Povero Abu Mazen. Povero vecchio e corrotto leader, che piatisce un riconoscimento presso quella stessa Ue che mise Tony Blair, invasore e distruttore dell’Iraq e responsabile di decine di migliaia di morti, a guidare dal 2007 al 2015 quel Quartetto (Usa, Russia, Ue e Onu) che doveva portare la pace tra gli israeliani e gli arabi palestinesi.

Quindi, diciamolo senza ipocrisie: la causa palestinese è politicamente morta. È meglio saperlo. Per non farsi illusioni. Per non continuare a credere in quella finzione chiamata diritto internazionale e nella sequela di risoluzioni contro le azioni di Israele con cui l’Onu si è riempito la bocca senza cavare un ragno dal buco. D’altra parte la creazione di uno Stato non è mai questione di diritto ma di forza. Israele non è nato perché gli ebrei avevano diritto a tornare a casa ma perché il Regno Unito negli anni Dieci aveva la potenza necessaria a imporre la loro presenza in Palestina. Il Kosovo uguale. Transdnistria, Ossetia del Sud e Abkazia idem. La Cecenia non ce l’ha fatta perché non ne aveva la forza. I Royingha, presi a calci nel sedere in Asia, stanno ancora peggio dei ceceni degli anni Novanta, anche se uno dei regni più antichi della regione era proprio il loro.

La causa palestinese è finita perché non ha la forza per imporsi. Perché è stata via via abbandonata da tutti, in primo luogo dagli ex amici arabi del golfo Persico, che si sono trasferiti armi e bagagli sul lato di Israele e degli Usa. E non è che ci sia molto altro di dire.

Qualcuno può forse esultare, di fronte a questa situazione. Non noi. E per molte ragioni. La prima è questa: se la causa palestinese è finita, certo non sono finiti i palestinesi. Che vogliamo fare di questa gente, di questo popolo? Israele si affanna da decenni a portar loro via ogni pezzo di terra fertile e non dice che cosa dovrebbero succedere alle persone. I palestinesi (4 milioni tra Gaza e Cisgiordania, più almeno altri 2 milioni di Israele) saranno inglobati in un solo Stato ebraico? No, perché diventerebbero maggioranza e addio Stato ebraico, visto anche che l’aliya (la “salita a Israele”) ristagna da tempo e se non fosse stato per la dissoluzione dell’Urss… Saranno sterminati? Certo che no. Saranno forse trasferiti sulla Luna?

Israele non dice che cosa ha in mente. Qualcuno mormora: tutti i palestinesi in Giordania, dove peraltro il 70% della popolazione è di origine palestinese. Un film già visto, che portò al Settembre Nero del 1970, con stragi e ulteriori esili. Un altro terremoto per il Medio Oriente che, però, potrebbe fornire a Israele l’occasione di un’ulteriore espansione. Tumulti ai confini, ragioni di sicurezza, Stato in pericolo. Un piccolo sconfinamento qui, una base là, un insediamento un po’ più giù, e la storia degli ultimi decenni si ripeterebbe un po’ più a Est. Perché non c’è nulla che faccia venir voglia di vincere come vincere, si sa. Oltre, naturalmente, ad avere la forza per battersi.

Chi oggi esulta, dunque, pensi a domani. Ci pensi bene. E provi a mettersi nei panni di un politico dell’Iran o della Siria. Al loro posto non la vorreste una bomba atomica, giusto per essere sicuri di non fare la stessa fine dei palestinesi, o di chiunque, da Saddam a Gheddafi, si trovi di colpo a intralciare i piani di qualcuno più grosso di lui?

Se la causa politica palestinese è morta, il miglior modo di agire non sta nel far finta che sia ancora viva. Sta nel porre un problema politico a Israele. Lo Stato ebraico deve dire che cosa vuol fare delle persone, visto che la terra se l’è già presa quasi tutta. Spieghi e presenti un piano credibile, anche dal punto di vista dei diritti umani. Perché è piuttosto insopportabile che oltre sei milioni di palestinesi siano, di fatto, nelle mani di Netanyahu e l’Occidente, sempre così affannato a trafficare coi diritti e con la libertà in giro per il mondo, si contenti di produrre quattro documenti e versare quattro soldi a un manipolo di dirigenti palestinesi corrotti pur di sentirsi a posto e i poter girare la testa dall’altra parte. Dalla parte da dove arrivano i contratti e gli affari.”

 

Original post Ha vinto Israele, la Palestina è morta. Ma è adesso che cominciano i guai veri

Laika (Muttnik)


laika-1st-dog-in-space.jpg

(29 ottobre 2002) di Vittorio Zucconi da la Repubblica.it:

“Il cane che rincorse le stelle avrebbe di molto preferito continuare a rincorrere gatti e ciclisti per le strade di Mosca, se avesse potuto decidere lei, ma Laika non era un cane qualsiasi. Era un soldato, una bandiera, un latrato di battaglia, un monumento che l’Urss voleva costruire a se stessa con il materiale della Guerra fredda, con i motori, i missili, le ambizioni e, soprattutto, con le bugie della propaganda. Laika, la bastardina arruolata dagli accalappiacani di Kruscev nei vicoli di Mosca per essere la prima creatura vivente spedita in orbita, non morì la morte indolore nello spazio dopo una settimana di orbite, che la propaganda ci aveva raccontato allora, ma una morte orrenda e struggente, inscatolata nel minuscolo Sputnik, poche ore dopo il lancio. Il suo cuore di cane fu schiantato dal panico e dalla solitudine incomprensibile.

Un’altra delle perenni menzogne del potere in Russia, sovietico e non soltanto sovietico, viene a galla dopo 45 anni, dalla confessione di uno degli scienziati di quel programma spaziale che, tra il primo bip dello Sputnik e il viaggio di Gagarin attorno alla Terra, doveva essere la dimostrazione dei trionfi Socialisti sul nemico Capitalista. La prova della profezia di Nikita Kruscev all’Occidente, “in dieci anni vi seppelliremo”.

laika (4)

Laika, insieme con Mushka e Albina, due altri cagnetti presi a caso tra i bastardini nelle vie della capitale, era stata scelta per la sua docilità, per la sua resistenza alle prove d’accelerazione nella centrifuga della “Città delle Stelle”, la Houston alle porte di Mosca e, dannazione dei piccoli, per le sue dimensioni contenute. Non c’era molto spazio per ospitare un cane dentro lo Sputnik 2 dal peso totale di 108 chili, che i vettori sovietici erano in grado di sparare in orbita in quel novembre del 1957. Ma per piccina e mansueta che fosse, Laika era pur sempre un cane e ci volle tempo per adattarla a quel viaggio.

Con le sue compagne fu messa nel frullatore della centrifuga che le spingeva il cuore fino a tre volte il ritmo normale delle pulsazioni cardiache, nella paura e nella fatica di pompare il sangue nel corpo schiacciato dall’accelerazione gravitazionale. Aveva, dice ora lo scienziato russo, una tendenza a soffrire di panico, perché il cuore impiegava poi il triplo di tempo rispetto alle sue compagne, prima di tornare a velocità normale.

Laika e le sue compagne furono costrette a vivere in gabbiette e contenitori sempre più piccoli e strette da catenelle sempre più strette, per periodi successivi di 3 settimane e a nutrirsi solo di gelatine, la pappa che sarebbe stato messo a bordo, perché lo potessero, poco alla volta, con parsimonia, leccare fino all’esaurimento e dunque alla morte.

Alla fine dell’addestramento, se così possiamo chiamare quella tortura, la vediamo nelle foto d’epoca, che spunta con il muso scuro e gli occhi giustamente preoccupati, da una sorta di tubo di dentrificio nero, l’ogiva nella quale sarebbe stata sparata dalla base di Baikonur, strettamente incatenata, per impedirle di rivoltarsi e di muoversi dentro il tubo.

laika-1.jpg

Mushka, oltre che piccola, era, per sua ulteriore sfortuna, anche la più intelligente. Era servita per collaudare i rudimentali strumenti di bordo, un ventilatore automatico che avrebbe dovuto raffreddare l’abitacolo quando, nei momenti di esposizione al sole durante le orbite la temperatura fosse salita oltre i 20 gradi.

Albina era stata sparata due volte con razzi, ma recuperata con paracadute dell’ogiva, per collaudare la resistenza al lancio. Ma Laika pescò la paglia corta. Fu scelta per il glorioso evento. E fu lanciata. Senza sapere che per lei non era stato previsto nessun rientro trionfale. Che sarebbe comunque morta girando attorno alla Terra. Il dottor Dimitri Malashenkov, lo specialista che la seguì, ha raccontato ieri a un congresso di medicina spaziale a Houston, le ultime ore di Laika. L’elettrocardiografia seguita via radio segnò un aumento parossistico delle pulsazioni quando i motori s’accesero e il missile cominciò a vibrare sollevandosi dalla piazzola, qualcosa che la cagnetta non aveva mai provato prima. Raggiunta la velocità orbitale, il ventilatore, secondo i leggendari standard del controllo di qualità sovietica, naturalmente non funzionò e la temperatura nella trappola spaziale cominciò a oscillare tra il caldo e il freddo estremi.

Il suo cuore di cane prese a battere irregolarmente, fibrillando quando l’assenza di peso rallentò di colpo le pulsazioni e alla quarta orbita, dopo 5 ore di tormento, il tracciato divenne misericordiosamente piatto. Forse fu la temperatura a ucciderla, o l’umidità che si era accumulata nel suo ansimare dentro quello spazio, o l’anidride carbonica che i filtri nella capsula avrebbero dovuto ripulire, ma che, probabilmente, non funzionarono a dovere. Il dottore non è sicuro.

Ma chiunque conosca un cane e abbia visto gli occhi di Laika mentre la insaccano dentro la sua gabbia, sa di che cosa è morta quella cagnetta, è morta di paura e di solitudine. Di stress, se si preferisce un’espressione più asettica. Sognando i vicoli di Mosca, il branco dei randagi e i gatti che non avrebbe più rincorso, la mano di quegli uomini ai quali si era sicuramente affezionata, senza sapere quello che loro stavano preparando per lei. Il funerale di Laika fu lungo. Andò avanti per 6 mesi e 2.570 orbite, mentre il Cremlino mentiva sulla sopravvivenza di Laika nello spazio indicata in “oltre quattro giorni” e l’America si rodeva nella sua goffa rincorsa con missili che esplodevano dopo il lancio e scimpanzé africani che stava addestrando per inseguire i cani russi.

Fu cremata l’8 aprile del 1958, quando lo Spuntik-2 perse velocità e rientrò nell’atmosfera, consumandosi in un ultimo, piccolo falò delle vanità ideologiche e della crudeltà umana. Tre anni dopo, il 12 aprile del ’61, un essere umano dal coraggio ultraterreno, Yuri Gagarin la seguì, sapendo che avrebbe potuto fare la fine della cagnetta che l’aveva preceduto e che era stata sacrificata per lui, da un regime che trattava gli uomini come cani e dunque i cani come gli uomini. Troppo tardi per fare compagnia a Laika e portarla a passeggio tra le stelle.”

laika-1st-dog-in-space.jpg

 

Original post Laika non visse nello spazio la cagnetta morì dopo il lancio

 

Aviaria all’Eurovo di Codigoro, saranno abbattute 850mila Galline


download

“Codigoro (Ferrara), 8 ottobre 2017 – Ci sono 850mila Galline da abbattere. E’ ufficiale! Incombe il flagello dell’aviaria. Ieri l’ordinanza del sindaco di Codigoro Sabina Zanardi è stata perentoria. Muove sulla segnalazione del Centro nazionale di referenza per l’influenza aviaria all’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie. Le analisi non lasciano dubbi. Hanno confermato «La positività per il virus influenzale tipo A, sottotipo H5N8 – si legge – nell’allevamento della società agricola Fiorin di Lionello & Css». Lo stabilimento si trova in via per Ferrara nel territorio comunale di Codigoro. Impiega ottanta dipendenti, manodopera per lo più locale.”

Così titolano i giornali del posto, senza neanche troppi allarmismi. Senza neanche dire una sola parola a favore degli Animali (quasi 1 milione!) che saranno uccisi! Si pensa al danno economico, ai posti di lavoro e forse al pericolo di contaminazione…per carità tutto giusto, ma non abbastanza! Non è abbastanza per giustificare il silenzio assordante di chi vuole ancora una volta tacere e non vedere il genocidio in atto, la terribile devastazione di una specie animale. Una tragica conseguenza preannunciata e scontata, che si ripeterà ancora ed ancora fino a quando si capirà finalmente che gli Animali non sono nati per essere allevati e mangiati.

Pollo 100% italiano


“Pollo 100% italiano: questo si legge sulle confezioni dei grandi marchi nei supermercati, come se il Made in Italy fosse sinonimo di qualità e motivo di orgoglio.
Noi di Animal Equality abbiamo deciso di visitare personalmente gli allevamenti e i macelli che riforniscono i più grandi produttori di carne di pollo del nostro paese.
Le immagini documentate dai nostri investigatori dimostrano come la realtà si discosti enormemente dalle menzogne raccontate nelle pubblicità: una realtà desolante, fatta di violenza istituzionalizzata e totale disprezzo per la vita.
Le scene filmate non rappresentano casi isolati. Tutt’altro: queste sono le deplorevoli condizioni di vita del 95% dei polli che finiscono ogni anno sulle tavole degli italiani.

In Italia si macella quasi mezzo miliardo di polli ogni anno. Un numero sconvolgente.
Dal momento in cui nascono al momento della macellazione, questi animali sono trattati come parti inanimate di una catena di montaggio e anche le più elementari norme europee per il benessere animale sono quotidianamente infrante.
Tutto ciò è intollerabile. Non possiamo permettere che milioni di animali vivano così atrocemente nell’indifferenza di tutti.”

 

Fonte Animal Equality

(Animal Equality è un’organizzazione internazionale per i Diritti Animali fondata nel 2006. In Italia opera come associazione non profit iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato della Lombardia (iscrizione MI-816), pertanto onlus di diritto secondo l’Art. 10, c 8, DLgs 460/97.)