Il rifugiato economico, una nuova categoria da sfruttare.


 

Il 20 giugno è la Giornata Mondiale del Rifugiato, una ricorrenza annuale molto importante voluta fortemente dall’Assemblea Generale dell’Onu nel 1951 nello stesso giorno in cui venivano approvate le Convenzioni di Ginevra, che ricordiamo sono tutta una serie di trattati a livello internazionale utili a tutelare le vittime di guerra ed appunto gli aventi diritto. Le Convenzioni proteggono le istituzioni umanitarie, come la Croce Rossa, che intervengono in territori di conflitto armato. Esse sono state istituite, e dopo perfezionate, anche a tutela di tutti i superstiti della seconda guerra mondiale, i cosiddetti sopravvissuti al genocidio. Nel corso del ventesimo secolo sono state perfezionate dunque anche quelle norme già esistenti (prima delle guerre mondiali), proprio a ragion veduta e a seguito dei cambiamenti geopolitici.

Ma la giornata odierna è quanto mai importante proprio grazie allo scenario che si appresta sempre di più a movimentare i dibattiti politici e popolari. L’avanzamento di varie ipotesi sulla sorte degli immigrati, confusionaria e critica, sembra non avere una concreta soluzione o meglio una procedura mirata e responsabile che possa gestire al meglio i viaggi della speranza e creare un apposito sistema d’accoglienza per esseri Umani in cerca di cure e necessità primarie.

tabella19062018.jpg

Nella tabella sono visualizzati a partire da sinistra i migranti sbarcati, i richiedenti asilo e le richieste esaminate in Italia a partire dal 2008.

Se il quasi incidente diplomatico della nave Ong Aquarius sembra far gioire il governo italiano, ad un nulla di fatto sembrano invece apparire le posizioni degli altri paesi comunitari. Francia e Germania si incontrano a tavolino per stabilire ipotesi future, proprio mentre la Spagna accoglie con serenità i 629 immigrati (di cui ricordiamo anche minori e donne in gravidanza). Una sorta di comitato di benvenuto con tanto di cartelloni amichevoli. E c’è chi ha scritto anche un pensierino velenoso: “L’Italia ingenerosa non vi ha accolto, noi vi abbracciamo tutti”, e si canta: “Give peace a chance”.

51bac8b8-6cbc-11e8-b428-a41bb8577be9_2f8025fcc5bb4dc1c604a260c8514f50-31003-kRiE-U111013095150621UH-1024x576@LaStampa.it (2).jpg

Cosa sta facendo dunque l’UE? Si ipotizzano delle “piattaforme regionali” da istituire nei vari paesi d’origine e che possano aiutare le istituzioni locali a selezionare i richiedenti asilo, e a distinguerli da quelli “non desiderati”. Ma al momento nessun Stato non comunitario ha accolto la proposta, e stabilito quindi la disponibilità a creare tali strutture. Secondo il testo europeo queste piattaforme dovrebbero consentire una rapida “scrematura” per creare una lista tra migranti “economici” e coloro che necessitano di protezione internazionale, ridurre l’incentivo a intraprendere viaggi pericolosi e favorire il controllo di polizia nei paesi destinatari. Tutta una teoria naturalmente ancora in fase d’elaborazione, la strada verso questa soluzione è insomma ancora lunga è tutta in salita. Senza dimenticare che, notizia di poche ore fa, gli Stati Uniti hanno annunciato l’uscita dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu. A detta loro non è più uno strumento valido se attacca Israele con risoluzioni sulla condotta presumibilmente negativa nei territori palestinesi.

Banksy (9).jpg

Dismaland di Banksy (l’anti Disneyland)

Il Consiglio è stato fondato nel 2006, ed è stato sempre molto attento alle mosse strategico-militare eseguite dal governo israeliano. Immediato il plauso di Israele che, per bocca dell’ambasciatore all’Onu Danny Danon, annuncia : “Il Consiglio dei Diritti Umani è da tempo nemico di coloro che veramente hanno a cuore i diritti umani nel mondo, gli Stati Uniti hanno dimostrato ancora una volta il loro impegno alla giustizia e alla verità e la loro riluttanza a consentire all’odio cieco nei confronti di Israele nelle istituzioni internazionali di restare incontrastato”. Critiche invece dalla Russia, a nome della portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova: “Gli Stati Uniti hanno nuovamente assestato un forte colpo alla propria reputazione di difensori dei diritti umani e hanno dimostrato il loro disprezzo non solo verso il Consiglio dei diritti umani ma anche verso l’Onu in generale e le strutture che ne fanno parte”.

Insomma il clima internazionale non è per niente sano e lecito per instaurare un’autentica politica costruttiva a favore di tutti i rifugiati del mondo. La Giornata Internazionale del Rifugiato serve per sensibilizzare l’opinione pubblica verso una situazione, quella degli immigrati, sempre più urgente e complessa. Serve per contrastare profonde campagne diffamatorie e strumentali che coinvolgono circa 70 milioni di rifugiati nel mondo, il più alto numero da quando sono state istituite le Convenzioni di Ginevra. Le persone sfollate all’interno del proprio Paese rappresentano 40 milioni del totale. (fonte UNHCR)
Ma questa giornata serve anche per ricordare a tutti che avere una casa, una nazione, un Paese dove abitare è un diritto inviolabile che ognuno deve avere. Ci ricorda che non applicare le norme sul diritto d’asilo è una grave violazione della legislazione internazionale, e in Italia una disattenzione da ciò che è scritto nella Costituzione. L’articolo 10 terzo comma della Costituzione prevede infatti che lo straniero, al quale sia impedito nel suo Paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto di asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge. Una particolare norma istituzionale molto disattesa dagli enti governativi appena eletti.

La-posizione-della-Aquarius-il-13-giugno-2018-1140x634

Nella foto la posizione della nave Aquarius il 13 giugno 2018.

Annunci

C’è una stretta correlazione tra violenze sugli Animali e violenze sugli Umani. Progetto Link-Italia.


Il Progetto Link-Italia, a cura della dott.essa Francesca Sorcinelli e di altri validi collaboratori, si avvale di un profondo studio di corrispondenza tra vari tipi di violenza uniti da una medesima matrice: Umani ed Animali accomunati da un unico rapporto simbiotico. E purtroppo lo sfruttamento sui generis è dipendente da tale correlazione a tratti macabra e deleteria.

“La violenza è innata”: quante abbiamo sentito affermare con grande impeto e fervore che la Natura fin dai suoi albori è nata irruenta, crudele, impetuosa e che dir si voglia. L’essere Umano ha basato tutta la sua evoluzione tramite un uso spasmodico della violenza da quando ha deciso in passato di abbracciare il carnismo, fino a tempi più recenti attraverso un utilizzo spasmodico delle risorse naturali a proprio esclusivo beneficio. Ma non ci sono tracce evidenti che sia nato carnivoro, c’è piuttosto un evidenza pratica che lo ha portato ad esserlo per ragioni riconducibili a trasferimenti in altre zone climatiche più consone alla sua sopravvivenza. L’utilizzo poi di mezzi e strumenti altamente sofisticati, come lo sono oggi gli allevamenti intensivi, hanno generato un vero e proprio strumento di distruzione di massa: 150 miliardi di Animali terrestri uccisi selvaggiamente ogni anno a scopo alimentare. A questi si aggiungono tutti i Pesci (conteggiati a peso e non a numero), le vittime da vivisezione, da sfruttamento in luoghi d’intrattenimento (zoo, circhi, ippica e competizioni varie, acquari ecc.), da randagismo, e da tutto ciò che è riconducibile ad un profitto opportunista ovvero a discapito della vita altrui. Che il pianeta e il suo equilibrio naturale sia al limite di sopportazione massima non è una notizia eclatante, visto e considerato che numerosi studi e ricerche autorevoli a livello internazionale evidenziano lo stravolgimento del clima ed ogni attinenza possibile. Le specie viventi sono in pericolo o in via d’estinzione, le popolazioni ai margini della società industrializzata in stenti di sopravvivenza, ma non solo: il divario tra ricchezza e povertà estrema è sempre più ampio. Non serve dunque essere abili tecnici/scientifici per comprendere come il progresso tecnologico non stia andando di pari passo con lo sviluppo morale/etico di una società moderna libera ed esente da soprusi e prevaricazioni.

A tal proposito è evidente come i recenti casi di cronaca, non solo per una maggiore informazione di massa, stiano evidenziando una condizione critica nel benessere collettivo. Casi emblematici di stupro, pedofilia, sevizie ed ogni tipo di brutalità sono in condizioni emergenti ed alla portata di tutti. Basti osservare alcuni esempi tipo: individui comuni (anche giovani) macchiati di violenze inaudite. Lo stupro di gruppo perpetrato ai danni di una turista inglese in vacanza a Meta di Sorrento nel 2016 ha suffragato la tesi che uomini all’apparenza normali siano capaci di effettuare danni irreparabili, escludendo in seguito ogni pentimento o rimorso. Il delitto del canaro ai danni di Giancarlo Ricci, di recente ritornato alla ribalta grazie alla film Dogman (liberamente ispirato ai fatti di cronaca), effettuato in circostanze molto ambigue ma che testimonia drammaticamente una figura molto controversa ovvero quella di Pietro De Negri (reo confesso) affetto da disturbi psichici dipendenti da cocaina e probabilmente da un’attività professionale alquanto poco coerente con la cura e salvaguardia dei Cani. Egli stesso infatti dichiarò ai funzionari di polizia: “Volevo far rassomigliare la sua faccia a quella di un cane e così gli ho anche tagliato le orecchie come facevo ai dobermann. Sembrava uno zombie. Non moriva mai. Alla fine, esasperato, gli ho aperto la bocca con una chiave inglese, rompendogli i denti, e l’ho soffocato mettendogli dentro tutto quello che gli avevo amputato. Poi l’ho portato tra i rifiuti, dove si meritava, e gli ho dato fuoco.” E che dire di Jeffrey Lionel Dahmer, il mostro/cannibale di Milwaukee, responsabile di 17 omicidi effettuati tra il 1978 e il 1991 con metodi particolarmente cruenti contemplando atti di violenza sessuale, necrofilia, cannibalismo e squartamento. Jeffrey collezionava resti di Animali morti che poi seppelliva nel bosco. A sedici anni cominciò a coltivare fantasie sessuali in cui l’oggetto del desiderio erano persone morte. In Italia un altro caso famoso è riconducibile a Luigi Chiatti, il mostro di Foligno, responsabile di 2 vittime infantili. Un trascorso esistenziale turbolento a seguito anche dell’abbandono della madre e successivo affidamento in orfanotrofio, fu più volte abusato da un sacerdote presumendo quindi uno stravolgimento nella sua psiche già profondamente danneggiata. Dopo essere stato affidato ad alcuni psicologici la terapia si concluderà con la diagnosi di “marginalità ed iposocializzazione” oltre che una personalità “debole ed anafettiva con scarso controllo degli impulsi”.

Tali soggetti all’apparenza non sembrano dei folli o serial killers, eppure commettono reati efferati nella più completa lucidità degna di un abile professionista. Denotano disturbi mentali riconducibili ad eventi esterni o estranei al proprio equilibrio psico-fisico. Sono prevalentemente affetti da carenze affettive o peggio abusati di violenze sessuali, o ancora traumatizzati da episodi interpersonali riguardanti la propria famiglia o schiera di conoscenze. Che sia vero o no (per esempio) il confessionale di Pietro De Negri potrebbe essere utile a molti esperti della psicologia sociale anche solo per individuare particolari moventi verso omicidi efferati.

 

faccialink

 

“L’esperienza professionale diretta del LINK è stata il primo propulsore che mi ha condotto a studiare l’argomento tanto da arrivare oggi alla strutturazione di un progetto nazionale in merito. Come nei paesi anglosassoni dove il LINK vanta associazioni governative, di polizia e presidenti di stato nel riconoscerlo e contrastarlo anche per l’Italia il mio impegno è che il lavoro professionale quotidiano con l’utenza violata, depressa, deprivata, violenta o anche solo minorile, continui ad essere oggi come agli esordi il referente privilegiato nello sviluppo di una cultura sociale, giuridica, criminologica, vittimologica, pedagogica e veterinaria che come stato di necessità contempli la crudeltà su animali quale grave reato di per sè e potente indicatore di pericolosità sociale.” 

Dott.essa Francesca Sorcinelli 2009, fondatrice del Progetto Link-Italia.

“Affermare che il Maltrattamento e/o Uccisione di Animali sia un preciso indicatore di Pericolosità SocialeSintomo di una Situazione Esistenziale Patogena finalmente oggi anche per l’Italia è il risultato di uno scientifico processo statistico – matematico di analisi del fenomeno.”

 

E’ necessario dunque approfondire ogni aspetto esistenziale della società moderna, almeno per smentire tesi infondate che attribuiscono all’essere Umano la sua violenza primordiale, attitudine invece assimilata tramite induzioni esterne più o meno riconducibili ad abitudini o induzioni molto forti e coinvolgenti. Il male è tutto ciò che fa soffrire gli esseri viventi. Le crudeltà di cui loro sono oggetto non scaturiscono solo da un certo sadismo individuale, ma sono frutto anche e soprattutto di un perfetto sistema di potere che gestisce luoghi, istituzioni, congregazioni e sistematiche ricorrenze popolari a tratti permissive di una cultura falsata. Non si può negare, oggi, l’esistenza di una correlazione specifica su determinati eventi a sfondo criminale quali stupro, pedofilia, femminicidio, sfruttamento minorile, spaccio di stupefacenti, zooerastia o zoofilia, delitti di stampo mafioso (ecc.ecc.) come catalizzatori di ben altre atrocità che coinvolgono in parte o totalmente l’uccisione di Animali. Non è un caso come alcuni esponenti della criminalità organizzata abbiamo utilizzato abili macellai o addetti ai mattatoi per porre fine materialmente al corpo di un essere Umano ucciso precedentemente, ovvero eliminare ogni traccia che potesse ricondurre all’identità del defunto: taglio, sezionatura, spolpatura, disosso e quant’altro sono solo alcune fasi della macellazione moderna tramiti adeguati strumenti di morte. Uno di questi è la pistola a proiettile captivo penetrante. Quando gli Animali sono stati tramortiti devono essere dissanguati immediatamente. Deve essere fatto velocemente così da completare una rapida, abbondante e completa evacuazione del sangue. In ogni caso il dissanguamento deve essere completato prima che l’Animale riprenda conoscenza (o parte di essa), anche se ciò non avviene praticamente mai e l’Animale dunque è (il più delle volte) perfettamente cosciente di ciò che sta accadendo. Il macellaio o addetto al mattatoio dimostrerà che è a conoscenza del fatto che ogni Animale che sia stato stordito prima del dissanguamento debba essere dissanguato immediatamente con relativa enervazione (se necessario). Inoltre egli sa dove sono situate le arterie carotidi e i vasi sanguigni da cui esse derivano, ed è a conoscenza in maniera competente del punto esatto dove recidere l’arteria da cui essa nasce. Naturalmente ha la capacità soggettiva per farlo, essendo stato addestrato adeguatamente. Il macellaio dimostrerà che ha la conoscenza necessaria a capire l’importanza del corretto posizionamento della pistola a proiettile captivo. Sa cos’è la corteccia cerebrale, dove si trova e perchè la pistola deve perforarla. Sa a quali Animali si deve sparare sul retro della testa, e conosce il corretto posizionamento della pistola e la necessità di dissanguare l’animale immediatamente. Quindi ha la conoscenza acquisita per capire quale procedura di stordimento serve per le specie Animali in questione.

Queste sono le procedure inculcate, ma la tragica realtà è ben altra cosa.

2015-05-28-z7gaDjrjUCd8tqeX.jpg

Tutte queste attitudini sono frutto di uno determinato apprendimento votato alla violenza specifica, in questo caso uccidere gli Animali. Naturalmente quest’individui non sono degli assassini specifici, ma hanno acquisito una competenza professionale talmente adeguata che potrebbero applicarla su ogni vita senziente (anche Umana) senza paura, rimorso o pentimento. Non a caso esistono numerosi casi documentati che riportano deviazioni comportamentali all’interno della propria sfera familiare, oppure atteggiamenti univoci dettati da depressioni acute e trattate con appositi farmaci e/o controlli medici. Il 16 gennaio di quest’anno un uomo italiano di 52 anni si è sparato alla testa tramite una pistola da macellazione, e lo ha fatto da solo all’interno della propria auto. Un Uomo che non aveva mai mostrato segni di sofferenza psicologica ma che evidentemente covava un grave disagio interiore.

Uccidere per lavoro: molti psichiatri hanno condotto studi che testimoniano le dure implicazioni psicologiche e sociali tra disturbi da stress post traumatico e inibizione dell’empatia. L’empatia è quel particolare dono che ogni essere vivente detiene, e serve come deterrente per confrontarsi in maniera positiva e costruttiva con gli altri. Deriva dal greco empatéia, a sua volta composta da en-dentro e pathos-sofferenza/sentimento. In psicologia è la capacità di porsi in maniera immediata e positiva nello stato d’animo o nella situazione personale di un altro individuo. Un ex operaio/macellaio, Virgil Butler, in Arkansas rimase fortemente traumatizzato dall’esperienza del mattatoio in cui lavorava. Quello che colpisce le persone che lavorano in questi ambienti si definisce stress traumatico. In psichiatria è lo stress traumatico indotto dalla perpetrazione (PITS). La natura ripetitiva dell’esposizione al trauma come autore del reato porta ad una rottura nell’identità dell’individuo.

Gli Animali da sempre vengono sfruttati da vivi, da morti, e purtroppo anche solo tramite terminologie alquanto appropriate in ambito antropocentrico: testardo come un Asino, stupido come una Gallina, sporco come un Maiale, o peggio su presunte allusioni sessuali. Non si capisce perchè l’essere Umano si ostini da sempre ad allontanare da se stesso l’essenza vitale e pura di ogni Animale, snaturandoli in cibo, mezzi e strumenti a fini personali ed egoistici, contribuendo quindi a diffondere un ignoranza terribile che trascina lui stesso in una convinzione assoluta e dannosa che ripudia ogni pensiero, sentimento o ragionamento senziente appartenente invece ad ogni essere vivente.

 

leoni-in-gabbia-e1510051865780.jpg

 

Il male dunque non è genetico ma derivante dall’ambiente in cui un individuo nasce, cresce ed opera. Questo concetto riconducibile agli Umani (ma non si può escludere un coinvolgimento anche in altre specie viventi, infatti un Animale percosso ripetutamente tende ad uccidere il suo seviziatore) stabilisce appunto che un criminale non sia nato malefico ma lo sia diventato in base ad un influenza esterna dannosa come può essere per esempio una violenza fisica o psicologica, peggio se infantile, o un induzione molto forte legata a concetti radicali a volte anche estremisti, come è appunto (e per esempio) il fanatismo religioso. Stessa cosa dicasi a questo punto per chi effettua materialmente l’uccisione legale degli Animali (addetti alla macellazione appunto), raggirato da un sistema/ambiente che lo costringe indirettamente a farlo. In questo caso poi c’è la doppia influenza negativa in base al profitto ricavato dall’azione stessa. La violenza nei confronti dei deboli è simbolo macabro dell’antropocentrismo che da secoli accompagna criminalmente la storia Umana. Non a caso i deboli sono sempre quelli che patiscono: Animali, bambini, donne, anziani, malati, e chiunque ai margini dell’attuale presente. Tutti i mali quotidiani derivano da una violenza indotta giustificata troppo spesso come screzio, gioco, divertimento o banale errore. Non esistono risposte certe e consapevoli in base ad un concetto specifico di etica, soprattutto se si continua a giustificare la violenza quotidiana come unico sforzo di evasione all’apatia.

Ai più alti livelli psicologici dunque è risaputo che il legame tra la violenza sugli Animali e quella sugli Umani è strettamente intrinseco, unito da un unico filo parallelo molto ravvicinato. Chi tollera la violenza sugli Animali tramite tacito consenso partecipa attivamente/inconsapevolmente al genocidio in atto. La normale condizione di stress (risposta aspecifica dell’organismo ad ogni richiesta effettuata su di esso – Hans Selye) non permette a pieno la comprensione esatta di un evento delittuoso isolato, pur essendo un crimine specifico verso un essere vivente indifeso. La prima risposta ad un evento esterno stressante (che Selye chiamò stressor) costituisce quella che propriamente si indica come reazione di allarme. Tra gli esseri Umani lo stress rappresenta una questione importante che non si esaurisce in una reazione naturale ad un pericolo concreto. Soprattutto nelle società occidentali moderne questo utile strumento può diventare un modo di vivere dannoso, portando con sé difficoltà non indifferenti. Lo stress è connesso ad una quantità di problemi psicologici: disturbo post-traumatico, psicosomatico, depressione, bipolarismo, ansia acuta ecc.ecc. Queste definizioni scientifiche possono facilmente far intuire e concepire il condizionamento dell’ambiente a cui ogni individuo fa riferimento. Ogni movimento, azione o reazione influenza le emozioni e le sensazioni, ed induce (anche e soprattutto) al dolore sotto ogni forma. In sostanza…chi uccide è un mostro, e può farlo ancora.

 

link (2)

 

Dal sito ufficiale Link-Italia (APS):

Francesca Sorcinelli, fondatrice del Progetto LINK-ITALIA nel 2009 e Presidente dell’omonima Associazione di Promozione Sociale dal 2012, è un’ Educatrice Professionale che dopo aver lavorato in ambiti quali il recupero minori dalla prostituzione, in comunità per tossicodipendenti e otto anni in una Comunità Residenziale per Minori dell’Azienda Servizi alla Persona del Comune di Modena, attualmente lavora presso la medesima Azienda in una delle Comunità Semi-residenziali Socio-Educative per pre e adolescenti inviati dal Servizio Sociale.”

Il Maltrattamento e/o l’Uccisione di Animali in quanto seme e tratto caratteristico della violenza interpersonale e di ogni altro comportamento criminale è da molto tempo dimostrato nella letteratura scientifica accademica – Utah University, Northwestern University, Massachussetts University, Harvard University, Florida Unuversity, American Psychiatric Association, World Health Organization, ecc. – e investigativo giudiziaria anglosassone – Federal Bureau of Investigation (F.B.I.), Office of Juvenile Justice and Delinquency Prevention (O.J.J.D.P.), Scotland Yard, New South Wales Police Force (Australia NSW Police Force), Canadian Police, ecc.

Al fine di una specifica raccolta dati italiana abbiamo definito Casi Link i casi di maltrattamento e/o uccisione di animali in cui:
 -il maltrattatore ha compiuto in passato o commette contemporaneamente anche altri atti devianti o criminali;
– il maltrattamento di animali è parte integrante di un altro crimine o atto deviante – omicidi, violenza sessuale, pedofilia, violenza domestica su donne e minori, stalking, atti intimidatori di stampo malavitoso, traffico di droga, riti satanici, ecc – ;
– il maltrattamento di animali è contemplato nelle parafilie classificate nel DSM V (APA) e ICD-10 (OMS) zoofilia erotica – zooerastia – e bestialismo;
– il maltrattatore è un minorenne coinvolto o meno in altre forme di devian­za o comportamento criminale;
– il maltrattamento di animali è avvenuto al cospetto di un minore.”

 

Approfondimenti:

Link-Italia (APS)

Interviste a: Francesca Sorcinelli Presidente Associazione LINK-ITALIA (APS); Francesca Toto Referente Progetto <<Zero cani in canile>>

Database Link-Italia

Rassegna stampa

Liberazione Animale – una prospettica antispecista

Promiseland.it

Telethon è una cosa, il Veganismo un’altra.


Come dissociarsi dal web e dai commenti deplorevoli dei vegani o presunti tali.

Telethon rappresenta la vivisezione, ed assoldare personaggi pubblici per promuovere la loro politica aziendale fa parte della normalità. E’ giusto contestare, ma perseverare nell’odio e nella calunnia è un gesto immorale che non appartiene al veganismo. Chi lo fa non è degno di far parte di un movimento pacifista nella sua indole.

Quello che sta accadendo in queste ore è veramente vergognoso e senza giustificazione. Basterebbe dissociarsi…ma purtroppo l’eco che sta subendo, proprio grazie alla grande popolarità del conduttore scomparso, è un dato molto significativo di come il veganismo impatti sui media e, in questo caso specifico, a discapito della sua origine che non è assolutamente coerente con i messaggi di esaltazione scaturiti dalla morte prematura del personaggio noto.

Non fa bene alla causa, e non fa bene agli Animali.

Particolare non indifferente che certi “vegani” dovrebbero ben ficcarselo in testa!