Libro


“Free Animals, Loved & Respected” è anche un libro in formato ebook e cartaceo, in vendita direttamente da questa pagina cliccando la copertina qui in basso o visitando le migliori librerie fisiche e online. Con il tuo prezioso acquisto potrai quindi contribuire al sostentamento di questa attività.

Se hai un blog personale e desideri inserire la locandina del libro, in segno di premio e gratitudine riceverai una copia omaggio in formato pdf o epub all’indirizzo email che mi indicherai.

Il codice URL immagine da inserire è il seguente: http://www.youcanprint.it/wss/copertine/9788891179524.png

Mentre il link di collegamento al sito di vendita è questo: http://www.youcanprint.it/autori/12038/roberto-contestabile.html

Se hai bisogno d’assistenza puoi contattarmi tramite i riferimenti indicati nella sezione info o compilando il modulo qui in basso, grazie.

 

Qui un breve estratto del primo capitolo:

 
A volte non basta una poesia, alcune poche parole significative per far capire alle persone quanta crudeltà possono causare con un semplice gesto.

“L’ego non ve lo permette, non c’è nulla che vi appartenga.”

Ormai è diventata un abitudine, un istituzione, una ricorrenza, una cura. C’è chi pensa e crede che mangiare esseri viventi senzienti possa giovare alla salute o addirittura guarire le malattie. C’è chi pensa e crede che vestirsi di pelle e piume di altri esseri viventi senzienti possa suscitare un concetto di lusso ed apparenza oltre normale misura, creando perciò un illusione fantastica e psicotica. Credenze popolari e falsi teorie mediche hanno mistificato la vita quotidiana trasformando i consumatori in “assassini inconsapevoli.”

“Sono io pazzo o quello che mi circonda è un incubo? Non so, forse è una condanna predestinata.
Ho cercato motivazioni e spiegazioni dappertutto: nei libri, a scuola, in famiglia, tra amici e conoscenti, tra incontri casuali e fortunati, in viaggio, nelle chiese cattoliche prima ed evangeliste dopo. Ho atteso, invano, di ricevere una risposta anche solo confusa, ma niente, non ho avuto nulla! Nulla di certo e convincente, come se dovesse essere quasi un mistero o una ovvietà macabra e terribile.
Molti dicono che sia giusto e naturale che gli Animali muoiano per mano nostra, che non c’è niente di male se soffrono. Dicono che è il ciclo della vita. C’è chi afferma addirittura che non hanno animo, pensiero, emozione. Che non provano nulla: amore, odio, vendetta o risentimento.
Io non penso questo.
Ci amano senza chiedere nulla!
Da esseri presunti superiori, siamo altrettanto inferiori da non sapere e capire i nostri errori? Viviamo più a lungo dei nostri antenati, godiamo di più e creiamo più oggetti meglio di qualsiasi altro Umano primitivo…sì, questo è vero, ma per cosa? Per un nostro appagamento personale momentaneo? Per sopravvivere? Possiamo allora paragonare il gusto e piacere verso la carne solo ad un bisogno di soddisfazione non indispensabile? Possiamo affermare che la tortura, l’uccisione e lo sfruttamento Animale, è pura follia moderna costruita ad arte solo per fare profitto?
Possiamo confessare le pene, senza essere giudicati colpevoli?”