Basta alla sofferenza dei Cavalli!


Roma non ha bisogno delle botticelle e della sofferenza dei Cavalli.

<<Per questo ti chiediamo di votare SI’ alla proposta di delibera popolare 51/2015.>>

Questo è lo slogan che i destinatari del Comune di Roma riceveranno se firmerai anche tu la mail che trovi a questo indirizzo:
http://www.oipa.org/italia/stop-botticelle-mail-bombing/
#stopbotticelle stop alla sofferenza dei Cavalli.
Info su Oipa.

 

Qui di seguito la lettera che verrà inviata al Comune di Roma:

 

“Gentili signori,

Giovedì 3 maggio, nella convocazione prevista dalle 12:00 alle 17:00, il Consiglio Comunale di Roma si dovrà finalmente esprimere, ai sensi dello Statuto di Roma Capitale, sulla Delibera di iniziativa popolare 51/2015 “Stop botticelle, tutela dei cavalli e riconversione delle licenze in altre attività di trasporto”.
Forti di un autorevole parere legale a difesa della richiesta sottoscritta da oltre 10.500 romani tre anni e tre mesi fa, le associazioni animaliste promotrici Animalisti Italiani, Enpa, Avcpp-IoLibero, Lav e Oipa sottolineano che questo è l’unico atto formale depositato sul tema mentre gli annunci di una Delibera alternativa non si sono mai concretizzati.
La proposta di Deliberazione popolare ha ottenuto anche l’intervento del Prefetto in quanto l’attività delle botticelle non è compatibile con l’etologia dei cavalli come dimostrano purtroppo i molteplici incidenti occorsi. Sono proprio i Comuni, in forza di una norma di rango primario, a esercitare la funzione di protezione degli animali sul proprio territorio e quindi a poter, anzi a dover regolare in maniera adeguata le attività che ne potrebbero eventualmente compromettere la tutela; la Legge 15 gennaio 1992 n.21 sugli autoservizi pubblici non di linea non prevede alcun obbligo relativo alla necessità della presenza di servizi a trazione animale tanto che la quasi totalità dei Comuni italiani non ha botticelle e carrozzelle pubbliche trainate da animali; la legge regionale n.58 del 1993 sullo stesso tema lascia chiaramente la piena autonomia ai Comuni anche di scegliere di non avere una o più tipologie di veicoli e natanti per l’esercizio del trasporto pubblico non di linea e, quindi, un numero di licenze pari a zero, così come è attualmente a Roma, senza alcuna contestazione, per le motocarrozzette e i natanti nel pieno rispetto della normativa sovraordinata.
Roma non ha bisogno delle botticelle e della sofferenza dei cavalli.
Per questo le chiediamo di votare SI’ alla proposta di Delibera popolare 51/2015!”

Annunci

Le differenze sono nella nostra testa.


E tu cosa faresti se la incontrassi per strada?

La gravità delle nostre azioni avviene quando applicchiamo la tolleranza e la solidarietà “a prescindere” da chi o cosa abbiamo di fronte…come avviene infatti davanti ad un bambino ben vestito e pulito, rispetto ad un altro sporco e scalzo. Se vedessimo un minore solo ed abbandonato immediatamente chiameremmo le forze dell’ordine. Ma se invece notassimo un “bimbo rom” che chiede l’elemosina…chi si prodigherebbe nell’assisterlo?
Lo stesso dicasi per gli Animali: tolleriamo la morte dei Maiali o delle Mucche o degli Agnelli…mentre ci scandalizziamo di fronte alla sofferenza di un cucciolo di Cane o Gatto, i quali hanno certamente bisogno di cure…ma non solo loro.

Ecco perché quella patologia chiamata “dissonanza cognitiva” deve essere riconosciuta come malattia mentale.

Il lato oscuro delle persone empatiche.


L’empatia è sicuramente un dono, ma considerarla pericolosa per se stessi è un errore. Infatti chi ne ha più degli altri certamente dispone di un equilibrio interno ed una sensibilità maggiore tale da presumere un maggiore autocontrollo e quindi serenità. Indubbiamente bisogna anche rendersi conto che nella vita ogni esperienza insegna e coltivare l’empatia, controllandola a beneficio proprio ed altrui, è la principale attività da seguire per ottenere ottimi risultati.

 

“Gli empatici sono in genere conosciuti come i guaritori del mondo. Sono le persone i cui sensi sono intensificati e amplificati, sono degli individui che non solo vedono e sentono le diverse energie del mondo, ma che in realtà le sperimentano su loro stessi.

Coloro che non sono empatici potrebbero pensare che questa capacità di sentire ciò che gli altri provano sia un dono, ma se si riesce a convincere un empatico a parlarci del ‘suo dono’, potrebbe confidarci che non è sempre un cielo stellato. Anche se è consapevole di avere una qualità importante, egli potrebbe confessarti che è un peso, molte volte quasi insostenibile.

Molte persone si affidano a loro per avere supporto e comprensione. Gli empatici conquistano quasi sempre la fiducia degli altri, perché fanno sì che le persone si sentano al sicuro. E mentre l’empatico è in grado di gestire le emozioni degli altri, allo stesso tempo le sperimenta su di sè e tutto questo, puo’ portare a stress e crolli emotivi.

Il lato oscuro di un essere empatico si presenta sotto forma di due voci contrastanti, che gli parlano quasi costantemente dentro la sua testa. Esso puo’ costantemente sentire sia il bene che il male, il negativo e il positivo, al punto di esserne sopraffatto, nel caso in cui non sia in equilibrio e ben schermato da cio’ che attira.

Gli empatici sono più sensibili alle energie negative della vita. La loro intensa capacità di sentire non può allontanarsi dai mali profondi che esistono nel mondo. La loro profonda comprensione di quello che esiste e opera nel mondo è sufficiente per confonderli e rattristarli. Per questo molto spesso, tendono ad essere malinconici, l’emozione che li domina, infatti, è la tristezza.

Il lato oscuro di un individuo empatico è essere costantemente esausto ed affaticato dalle energie che vengono assorbite. Nonostante questo è capace di osservare in silenzio, riconoscere e sentire.

Gli empatici vogliono essere amati così come tutte le altre persone, ed accettati per quello che sono. Ma, è la loro generosità e gentilezza che li porta spesso, ad essere sfruttati da parte di coloro che vogliono solo prendere e mai dare. Gli empatici sono ‘donatori’ e ricettori, essi sono pronti a mostrare gentilezza a chi ne ha più bisogno in ogni momento.

Il lato oscuro di essere un empatico è che spesso si mette in secondo piano per il bene degli altri. Un abbandono che costruisce nel corso degli anni, fino ad arrivare alla conseguente necessità di andare alla ricerca della propria anima, ancora una volta, un bisogno che si presenta solo nel momento in cui ci sentiamo completamente persi.

Per questo motivo la persona empatica, tiene sempre una piccola parte di sè stesso a riparo dal resto del mondo. Mantendo una sorta di barriera difensiva per necessità.

Il lato oscuro di essere un empatico è la guerra che vive da sempre dentro di sè. La guerra che intraprende contro la tristezza e il buio, che cerca di sollevare la sua ripugnante testa per portarlo all’auto-distruzione.

L’unico modo per combattere tutto questo e saper distinguere tra emozioni autentiche ed energie emotive false, che lo invadono dall’esterno. Gli empatici hanno bisogno di persone che possano comprendere chi sono e cosa vivono.
Essi devono essere in grado di abbassare il muro che hanno costruito intorno a loro, ed imparare ad esprimere i sentimenti che provano, in modo che questa preziosa dote possa fare del bene anche nella loro vita.

In caso contrario, gli empatici sono destinati a combattere una guerra dentro loro stessi, che non finirà mai.”

Fonte The Dark Side of Empaths That You Rarely See

Foto di Avogado

Telethon è una cosa, il Veganismo un’altra.


Come dissociarsi dal web e dai commenti deplorevoli dei vegani o presunti tali.

Telethon rappresenta la vivisezione, ed assoldare personaggi pubblici per promuovere la loro politica aziendale fa parte della normalità. E’ giusto contestare, ma perseverare nell’odio e nella calunnia è un gesto immorale che non appartiene al veganismo. Chi lo fa non è degno di far parte di un movimento pacifista nella sua indole.

Quello che sta accadendo in queste ore è veramente vergognoso e senza giustificazione. Basterebbe dissociarsi…ma purtroppo l’eco che sta subendo, proprio grazie alla grande popolarità del conduttore scomparso, è un dato molto significativo di come il veganismo impatti sui media e, in questo caso specifico, a discapito della sua origine che non è assolutamente coerente con i messaggi di esaltazione scaturiti dalla morte prematura del personaggio noto.

Non fa bene alla causa, e non fa bene agli Animali.

Particolare non indifferente che certi “vegani” dovrebbero ben ficcarselo in testa!