Tutte le scuse portano al macello…


923500_10152270616192179_2124730016_n

Ciò che avviene all’interno dei macelli, o più comunemente definiti mattatoi, non è conosciuto ai più. Volutamente non viene rappresentato, nè descritto alla perfezione: terribili luoghi di morte. Oggi molti potrebbero documentarsi e farsi una ricerca appropriata per capire le varie modalità di uccisione legalizzata. Ma se si continua a giustificare il genocidio Animale, tale analisi non ha senso di esistere. Stesso paragone può applicarsi a tutti i genocidi che puntualmente avvengono in angoli bui del pianeta, ma che difficilmente vengono divulgati alle masse popolari, non tramite le opportune considerazioni. Si preferisce non vedere, tacere, non influenzare coscienze sensibili che potrebbero devastare anche le menti più rigide. Non è proficuo, non è produttivo, non è politicamente corretto. La coscienza viene assopita e le masse vengono dirottate verso coinvolgimenti pilotati atti a rappresentare un istituzione, un dogma, uno status. Tutto è più semplice da gestire se la direzione è unica.

Esiste quindi la cosiddetta dissonanza cognitiva, ovvero:

“sostenere due o più cognizioni o pensieri che risultano in contraddizione tra loro e questo genera tensione e disagio”

 

Come dire che ognuno è consapevole di ciò che succede, si sente coinvolto emotivamente tramite consapevolezze del tutto naturali, ma in realtà nel proprio vivere quotidiano applica varie azioni che di fatto contribuiscono al proseguimento di tali atrocità. Non capire per esempio le origini del terrorismo islamico, o la fame nel terzo mondo, o i traffici internazionali di armi e droga. Tutto sottomesso e messo da parte come se appartenesse ad altri, senza riguardo o possibilità di risoluzione. Menefreghismo a parte ci si sente impotenti e forse deboli, ma basterebbe anche un lieve consapevolezza per modificare lo stato delle cose. Il senso di colpa raramente interviene a favore di una ragionevole conversione d’abitudine, ma piuttosto si cercano ostinatamente varie scuse per giustificare il proprio operato. Gli esempi sono innumerevoli e ben noti a tutti, e molti dei quali abbastanza allegorici…inutile pertanto elencarli qui. Basta solo riflettere a fondo per capire che finchè si nasce, si cresce e si vive in una società basata sulla ricerca infinita di profitto…mai nulla di considerevole potrà essere applicato alla liberazione Animale.

 

Margaret Mead disse:

“Se guardate attentamente vedrete che quasi tutto ciò che conta davvero per noi, tutto ciò che rappresenta il nostro impegno più profondo nel modo in cui la vita umana deve essere vissuta e curata, dipende da una qualche forma di volontariato.”

 

 

Foto di Laverabestia.org

Annunci

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...