I Cavalli “dressati”


rollkur (3).jpg

Adelinde Cornelissen, l’altleta di dressage, è stata acclamata recentemente per aver ritirato il suo Cavallo dalla competizione olimpionica a causa di una grave infezione. Molti (anche in ambito animalista) hanno esultato al miracolo per il gesto compassionevole che la stessa Adelinde Cornelissen avrebbe compiuto a difesa e tutela dell’Animale. Purtroppo la realtà è ben diversa, e la circostanza più grave è che spesso l’equitazione non viene sufficientemente criticata da chi dovrebbe in primis lottare e sottoporre a critiche questa pratica sanguinaria, che bisogna ricordare viene classificata come sportiva a tutti gli effetti. Quale sport può essere considerato lecito e quindi favorevole alla competizione tra atleti se gli stessi (e i relativi addetti ai lavori) costringono il povero sventurato Animale a tragici e rovinosi allenamenti? Esercizi coercitivi dolorosissimi come la tecnica “Rollkur che consiste nel forzare una iperflessione del collo attraverso l’uso di redini ed imboccature, una posizione innaturale che può causare lesioni cervicali e lesioni tendinee. Il Rollkur può anche interferire con la respirazione del Cavallo, comprimendo la laringe, e può inibire la deglutizione. Durante il movimento con il collo così arcuato verso il basso il Cavallo, che per natura ha una visione verticale molto limitata, ha anche evidenti problemi a vedere ciò che gli sta davanti.” Non è facile intuire quindi che l’equitazione sia permessa, e sufficientemente accolta dall’opinione pubblica, proprio grazie all’ignoranza che pervade tra chi assiste a questi ignobili spettacoli. Quando una specialità sportiva viene accolta e divulgata a gran voce pochi o nessuno si sognerebbero di indagare sugli effettivi trattamenti inferti agli Animali interessati. E’ visibilmente noto che nei circhi e negli zoo le vittime vengano detenute a scopo ricreativo, mentre negli acquari la detenzione è ancora più coercitiva proprio dall’ambiente acquatico totalmente innaturale. Poco si sa invece sull’equitazione ed altre inesorabili categorie nei quali i soggetti Animali vengono sottoposti ad insegnamenti dall’aspetto inequivocabilmente schiavista (almeno da chi ha sensibilità ed empatia sufficiente). Il problema centrale è sempre lo stesso: poca informazione utile per abbattere lo sfruttamento Animale. Gli interessi di profitto intorno a queste pratiche sono talmente alte che non si lascia spazio a nessuna riflessione contrapposta. Ma non solo, proprio nel caso specifico dell’equitazione, esiste da sempre un approccio ipocrita ed errato che fa intuire erroneamente l’affetto che gli stessi schiavisti (non esiste altra terminologia appropriata) applicano agli Animali detenuti arbitrariamente. Il senso di possesso (non solo giuridico) che hanno nei loro confronti è assolutamente paragonabile ad ogni rapporto affettivo tipico delle relazioni sociali malate. La prevaricazione imposta agli altri è un grave danno proprio perchè rappresentativo della realtà in cui viviamo oggi: appropriazione e consumismo.

rollkur

rollkur (2).jpg

rollkur (4)

rollkur (5).jpg

rollkur (6).jpg

rollkur (7).jpg

Per ammirare meglio “l’amore” di questa signora per il suo Cavallo, guardate questi due video. Nel secondo si vede anche, a bordo campo, il suo ex allenatore Janssen:
https://www.youtube.com/watch?v=No5UrKmTbD4
https://www.youtube.com/watch?v=InfgSpAl_GY

 

 

Annunci

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...