The king


the king.jpg

Il problema sostanziale è nella mentalità dell’essere Umano, della sua “sindrome di superiorità e possesso” (leggi: antropocentrismo), di tutto ciò che può essere sfruttato a proprio vantaggio o piacere. Surriscaldamento climatico, inquinamento dei mari, deforestazione, estinzione di specie Animali…ovvero l’intero ecosistema è a rischio di sopravvivenza! E questo sta avvenemdo in una frazione di tempo molto breve: poco più di un secolo o forse meno. E’ vero che il pianeta sta uscendo gradatamente dalla sua era gliaciale, si sta riscaldando, è in continuo movimento e racchiuso in un equlibrio vivente assolutamente perfetto. Quello che sta avvenendo però è il mutarsi o meglio l’accellerarsi di questi eventi. L’utilizzo spropositato di tutte le risorse esistenti sta modificando irrimediabilmente un connubio perfetto che persiste da centinaia o migliaia di anni. L’essere Umano esiste da così poco tempo sul pianeta che non è giustificabile per natura una mutazione così drastica nell’evoluzione terrestre. La temperatura media sta salendo molto di più rispetto al passato, con conseguente scioglimento dei ghiacciai ed innalzamento del livello degli oceani che contemporaneamente agiscono come uno specchio riflettente peggiorando la situazione già drammatica. Le abitudini Umane da sempre sono in controtendenza con le normali procedure Animali, ma quello che nell’ultimo secolo egli ha attuato è fuori da ogni risparmio e parsimonia. La scoperta dei combustibili fossili ha incrementato un progresso tecnologico senza precedenti nella storia, accellerando una richiesta d’energia sempre più avida ed ingorda.

the circle of life.jpg

Come non pensare ad ogni singolo oggetto protagonista del vivere quotidiano, parte integrante di un consumismo veloce ed esasperato ma soprattutto generatore di bisogni superflui e non necessari al fabbisogno personale. E’ indispensabile circondarsi di inutili marchingegni che alimentano solo un desiderio psicotico e ricco di soddisfazione momentanea? Veramente no! Ma capirlo non è facile, non è assolutamente intuitivo in quanto schiavi del sistema stesso che costringe ognuno a lavorare per produrre robaccia inutile. Per non parlare del cibo e della sua iper-produzione motivata solo dalla ricerca infinita di profitti, e non invece da un reale bisogno naturale. E’ indispensabile nutrirsi di carne e derivati tre o più volte al giorno? A cosa serve coprirsi di pelle, piume o pelliccia se non solo ad uno stato d’apparenza egoista? E’ utile vivisezionare Animali senzienti per stimolare una ricerca scientifica avida di profitto ma povera di concreti risultati benefici? E che dire di tristi spettacoli in cui le comparse inanimate giacciono inermi dietro una vetrina (zoo) o peggio in ridicoli movimenti ripetitivi (circhi)?

The Final Handshake.jpg

Finchè l’essere Umano continuerà a pensare che la Terra gli appartiene, a non considerarsi uno dei tanti ospiti che la abitano, ovvero uno dei milioni di tasselli che compongono la natura…il rischio continuerà a persistere. E non per una, due, tre, dieci o cento specie…ma per l’intero pianeta!

Happy Halloween.jpg

Eppure sembra che egli non avverta tutto questo, come se fosse solo una notizia da telegiornale o da rivista o documentario, e che si esaurisca nel momento stesso in cui viene spento il televisore o chiuso il giornale. Importanti sono le campagne di sensibilizzazione per far conoscere la vera entità del problema, ottimo il lavoro di tante associazioni che hanno come fine la salvaguardia dell’ecosistema e della biodiversità. Ma nonostante gli sforzi la questione è ancora più a monte, è ancora più urgente! Si può agire sulla sensibilità? Come fargli vedere con occhi diversi la natura che lo circonda?

Una bellezza, un patrimonio…una ricchezza da salvaguardare!

 

 

Foto ed immagini di Steve Cutts

 

Annunci

2 pensieri riguardo “The king

  1. Una triste fotografia perfetta della nostra situazione, di ciò che ci siamo andati a cercare… Io mi sento come un priore, un custode della Terra, e come custode devo rispondere al padrone e ai miei figli di come sto utilizzando e difendendo la Terra e le sue risorse, anche viventi.
    Se tutti si sentissero custodi della Terra anziché padroni, amministratori che devono rispondere di tutto il loro operato anziché proprietari, tutto il territorio sarebbe prefetto, difeso, tutelato, utilizzato bene senza consumare niente.

    Liked by 1 persona

    1. Hai colto perfettamente il nocciolo della questione. L’essere Umano non è una creatura mansueta e, oltre a questo aspetto pur fondamentale, egli è profondamente egoista! Non si spiegherebbe perchè ciò che ha creato artificialmente fino ad ora sia la distruzione perfetta di tutto il paradiso terrestre!
      Grazie per il commento e cari saluti.

      Liked by 1 persona

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...