Avorio


“Il club dei giganti si riunisce in Kenya per contrastare il bracconaggio e il traffico d’avorio che mette a rischio la sopravvivenza degli elefanti africani.

Per salvare gli elefanti dal bracconaggio e dal pericolo dell’estinzione, bisogna preservare l’ecosistema africano, l’industria del turismo e una parte importante del patrimonio comune del continente: è per questo che si riunisce in questi giorni a Nanyuki, in Kenya, il Giants club composto da diversi governi africani, organizzazioni non governative in difesa dell’ambiente, uomini d’affari e zoologi.

“Avorio significa morte. Morte per i nostri elefanti, per un’eredità preziosa che dio ha dato al continente africano. Morte per il nostro settore turistico”, ha dichiarato il presidente keniano Uhuru Kenyatta nel discorso di apertura del vertice. “Come se non bastasse, il commercio illegale di avorio si traduce in finanziamenti illeciti ai gruppi armati in diverse parti dell’africa. Anche per questo dobbiamo unire le forze e fare tutto quanto in nostro potere per fermare il bracconaggio e il contrabbando di questo oro bianco”.

Con un gesto di portata storica, al termine del vertice che si conclude sabato, saranno date alle fiamme oltre 100 tonnellate di avorio. Si tratta di circa un quinto degli stock del prezioso materiale sequestrati nel mondo, pari a 100 milioni di dollari secondo il valore di mercato. La pira – la più grande mai realizzata per una cerimonia simile – è composta dalle zanne di circa 6.700 elefanti. Secondo gli esperti, se i tassi di mortalità si manterranno ai livelli attuali, esiste il rischio concreto che questi pachidermi possano estinguersi entro il 2025. Ad oggi, della popolazione di elefanti presenti in Africa un secolo fa, resta solo il 10 per cento degli esemplari. Secondo il Kenya Wildlife Authority circa 30mila elefanti vengono uccisi ogni anno per le loro zanne da bracconieri sempre meglio armati, grazie anche alle nuove tecnologie. Il risultato, drammatico, è che il numero di pachidermi morti di morte naturale e quelli uccisi dal bracconaggio, superano il tasso di riproduzione della specie. Il club dei giganti – al suo incontro inaugurale – vede tra i soci fondatori Kenya, Gabon, Uganda e Botswana che ospitano sul loro territorio oltre la metà della popolazione di elefanti presente in Africa. Tra i suoi principali animatori c’è Evgeny Lebedev, il più giovane editore del Regno Unito, proprietario dei quotidiani Independent e Evening Standard e presidente della ong Space for giants.”

 

 

 

Original post Kenya, un club di giganti per proteggere i pachidermi dal bracconaggio

Annunci

2 pensieri riguardo “Avorio

  1. Siamo davvero la specie peggiore che la Terra possa ospitare!
    Ho appena visto su netflix il nuovo documentario Terra di Yann Arthus-Bertrand e parla proprio di questo, raccontando anche del bracconaggio ai danni di elefanti e rinoceronti……addirittura al mondo restano solo più 20 mila rinoceronti……mostruoso!
    Se non l’hai visto te lo consiglio, è un documentario splendido che esamina la relazione dell’uomo con gli altri esseri viventi, raccontando della nascita della Terra, dell’evoluzione delle specie e di come l’uomo, interessato solo al profitto ed allo sfruttamento, sia sempre più isolato dalla natura ed abbia perso il rispetto per la vita degli altri esseri viventi…..immagini spettacolari e molto toccanti.
    Ciao, buona serata
    Serena

    Liked by 1 persona

    1. Ciao, Serena… La situazione animale è sempre più drammatica! Questo articolo rappresenta solo 1 esempio di cosa e come l’essere Umano stia ormai devastando tutto! E senza nessuna battuta d’arresto! É vero che la consapevolezza é enormemente aumentata, ma é una goccia nel mare se consideriamo che oggi se ne parla ma si fa veramente poco per fermare questo vero e proprio genocidio! Poche persone si interessano alla questione e troppo poche soprattutto nell’opinione pubblica, tant’è vero che per fare un esempio i circhi, gli zoo e gli acquari esistono ancora e vengono visitati quotidianamente senza nessun rimorso o ripensamento. Basta anche guardare il recente spot televisivo che incentiva le visite all’acquario di Genova… Una vergogna! Per quanto riguarda il film.. ne ho sentito parlare e sicuramente lo vedrò, grazie del consiglio. Cari saluti e a presto!

      Mi piace

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...