Il grande gioco della caccia


dscn0248_0102-large
Gli “appassionati” del settore lo chiamano: big game hunting…il grande gioco della caccia. Un business legalizzato che fa girare milioni di dollari. L’Africa lo tollera perché ha bisogno di soldi.
Prima della morte del Leone Cecil, ucciso in Zimbabwe dal dentista dal grilletto facile, è probabile che la maggior parte della gente considerasse la caccia grossa in Africa un brutto ricordo del passato. Un’attitudine ormai superata, evocata solo da foto sbiadite di uomini abbigliati in stile coloniale, dai romanzi di Hemingway, e dalle gesta fuori tempo massimo di qualche regnante come Juan Carlos, pizzicato a cacciare Elefanti in Botswana nel 2012 mentre tutta la Spagna tirava la cinghia.
La caccia grossa, quella ai grandi Animali africani, quelli che popolano le nostre fantasie e i nostri giochi fin dall’infanzia, non è affatto illegale. Quantomeno non ovunque, a patto che si sborsino soldi a sufficienza. Una denominazione che è un po’ una beffa, ovvero un grande “gioco” portato avanti da agenzie specializzate che, dallo Zimbabwe al Sudafrica fino alla Tanzania, promuovono “pacchetti corredati” in stile vacanza dalle raccapriccianti foto ricordo dei cacciatori in posa con le loro vittime. Ce n’è per tutti i “gusti”: dal “leopard package” con 14 giorni di caccia full time e trofeo incluso a 16.500 dollari, al “trophy lion safari” in cui con 10 giorni si ottiene l’Animale più ambito a 49.000 dollari. Paradossalmente ci sono anche le opzioni “low cost” per i meno facoltosi che possono concedersi, tramite 3.600 dollari o poco più, il “lusso” di sparare liberamente a cinque tra Zebre, Babbuini, Sciacalli, Impala, Kudu o Gnu. Mentre i più poveracci possono optare per l’uccisione di una scimmia…solo con 200 dollari.
dsc_0211
Purtroppo non si tratta di un discutibile “hobby” per pochi eletti. Ogni anno il solo Sudafrica accoglie circa 9.000 cacciatori di trofei che generano un business stimato in 200 milioni di dollari! Pura e semplice crudeltà legalizzata? C’è chi sostiene il contrario! La caccia grossa (in teoria strettamente regolamentata) grazie alle grosse cifre sborsate dagli “appassionati” contribuirebbe a sostenere economicamente non solo le produzioni locali ma anche parchi e riserve, e a lottare contro il bracconaggio! Vero? Un male necessario? Lo sostenne anche il responsabile dei parchi della Tanzania nel 2013 al New York Times con una lettera aperta in cui spiegava che senza i soldi ottenuti grazie alla caccia non sarebbe possibile finanziare i progetti di tutela.
Oggi però i Leoni in Africa sono solo 30.000! Rispetto ai 200.000 di un secolo fa…e il declino pare inarrestabile!
dsc_0152
Varie associazioni spendono parole durissime verso quello che chiamano l’inutile uccisione di specie in estinzione. La caccia grossa non solo non sarebbe sostenibile, ma garantirebbe entrate economiche solo per un periodo limitato, andando ad intaccare così gli equilibri naturali!
Tutto questo è inaccetabile! Come non riflettere su tutto questo martirio? Come non pensare che queste macabre ed ignobili azioni altro non sono che provvedimenti psicotici e deliranti per il sostentamento di un sistema capitalista recente ed attuale sempre più sanguinario e micidiale! Come se se non fosse abbastanza distruggere ogni risorsa naturale esistente e non infinita. Come se non si riuscisse più a ricercare altri sbocchi commerciali per uno svoluppo economico solo nel nome, e che ormai non ha più chance di sopravvivenza se non quella di annientare ed uccidere ancora ed ancora! Le guerre, le carestie, le malattie, ed ogni nefandezza generata da un essere Umano moralmente alla deriva, sono solo conseguenze di un atteggiamento secolare di totale antropocentrismo.
c-borakalalo-game-reserve-32-nikki-with-zebra-large
Osservando le tristi immagini di uccisioni immortalate come trofei ipocriti non si riesce ad immaginare oltre lo sdegno e la disapprovazione. Si pensa che ciò possa essere solo un simbolismo passato e non più reale perché impresso nella memoria di testimonianze cinematografiche o letterarie, mentre leggendo le cronache recenti si capisce con quanta enfasi personaggi apparentemente “normali”, perché inseriti in contesti sociali “evoluti”, si comportino come eroi “romantici” e “valorosi” appartenenti ad una dimensione fantastica ma tristemente attuale! Si potrebbe addurre che tali criminali siano prevalentemente di sesso maschile e quindi testimoni di un machismo millenario che stenta a scomparire, ma osservando bene si nota invece che giovani donne e anche meno si divertono a movimentare un traffico di morte senza precedenti. Un solo Leone ucciso rispetto al totale vivente così esiguo è un gravissimo danno per tutto l’ecosistema naturale! Ma ciò non giustificherebbe comunque il sacrificio, neanche se fossero un milione su tutto il pianeta.
Come non pensare alle povere ed innocenti popolazioni africane vittime di tale sistema abominevole. Assassini indifferenti senza alibi alcuno, ma purtroppo ed inevitabilmente complici di crimini leciti e legalizzati senza nessuna considerazione etica.
botsalano-game-reserve-124-heidi-with-springbok-large
La morte di Cecil non sarà inutile se lo sdegno globale che ha suscitato porterà non solo la messa al bando della caccia da trofeo, ma anche ad una mobilitazione di massa per sostenere economicamente e costruttivamente i governi locali nella protezione degli habitat, così come delle popolazioni che condividono il territorio con gli Animali.
caccia (5)
caccia (7)
caccia (8)
caccia (9)
caccia (10)
caccia (12)

Fonte Gloria Ghiara
Foto tratte dal sito http://www.gametrackersafrica.com/it/professional-hunters

Annunci

12 pensieri riguardo “Il grande gioco della caccia

  1. Queste immagini sono rivoltanti. Ci vuole un bel coraggio a farsi fotografare in simili circostanze, dopo avere ucciso a sangue freddo una creatura vivente… Temo che le cose non cambieranno neppure in futuro, ci saranno sempre degli stolti bastardi che uccideranno per il gusto di farlo. Ma è il loro karma, forse se sapessero cosa comporta l’uccisione di una creatura… non lo farebbero più.

    Liked by 1 persona

    1. Il vero problema è che questo martirio avviene perchè esiste gente facoltosa che può spendere ogni cifra! I soldi aprono ogni porta proprio perchè questa società Umana è deleteria e scellerata dalla sua nascita! Bisogna abbattere il consumismo ed ogni effetto collaterale. La decresita costruttiva è il futuro! Il capitalismo non è mai stato etico e solidale e mai lo sarà proprio perchè l’essere Umano non è una creatura mansueta ma retrogada nel suo essere assassino! Ogni innovazione tecnologica è deprimente e distruttiva! Anche le nostre conversazioni non hanno senso se inserite in un circolo vizioso e lucroso.
      Grazie per il tuo contributo!

      Liked by 1 persona

  2. Forse sarebbe bene capire perché l’essere umano si comporta in modo così abominevole, non solo nei confronti degli animali, ma anche dell’ambiente che abita e che lo sostiene. Si può parlare di delirio di onnipotenza per quanto riguarda questi cacciatori di trofei (fra i quali ci sono anche molti italiani) ma che cosa dire dei loro connazionali, parenti e amici che tollerano questo comportamento e magari lo approvano? Intanto che costoro esaltano il proprio stupido smisurato ego in questo modo, milioni di esseri umani cercano di sopravvivere fuggendo dall’Africa in cui loro si divertono e che i loro predecessori hanno saccheggiato.

    Liked by 1 persona

    1. Tutto vero quello che dici! Purtroppo non c’è molto da capire in una società Umana psicotica. Il lusso e l’appetito sono un pretesto ipocrita ed egoista che spinge ad uccidere senza nessuna empatia! Non c’è rimorso, non c’è sensibilità, non c’è pietà! L’essere Umano davvero NON è una creatura mansueta! Non ieri! Non oggi!
      Grazie per il tuo commento! Cari saluti.

      Mi piace

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...