Veganismo viscerale


Boligan (13)
“Gli autori di “The Ultimate Betrayal” illustrano nel primo capitolo del loro libro un concetto che ho trovato nuovo ed efficace: quello del “veganismo viscerale”, come ulteriore dimostrazione che quella di non uccidere animali sia la scelta giusta senza ombra di dubbio. Ce lo dicono perfino le nostre viscere… Già, perché… immaginiamoci a tavola. Se stiamo mangiando un piatto di spaghetti col pomodoro o con le verdure non abbiamo alcun problema a immaginare, proprio mentre mangiamo le varie fasi di produzione di quel cibo. Non ci disturba in alcun modo immaginare la fase di semina del grano o dei pomodori, le piante che crescono, la raccolta e la mietitura. Se ci mostrassero un documentario che ritrae tutto il processo produttivo, guardarlo durante il pasto non ci creerebbe alcun problema.
Ma se, da onnivori, stessimo invece mangiando degli spaghetti al ragù di carne… avremmo, letteralmente “lo stomaco” di guardare un documentario che mostri davvero tutti i passi necessari a ottenere quel ragù?
Saremmo in grado di guardare l’operazione di inseminazione artificiale, con l’allevatore che inserisce l’intero braccio nel retto della mucca e con l’altro braccio inserisce lo strumento per l’inseminazione nella vagina? Riusciremmo a guardare il vitello che nasce e la sua macellazione dopo poco tempo? Riusciremmo a mangiare mentre l’animale, giunto il momento della macellazione, viene sollevato in aria appeso per una zampa e gli viene tagliata la gola, col sangue che riempie il pavimento? Potremmo inghiottire mentre viene tagliata la testa all’animale, segato a metà il corpo e le interiora estratte? Ben lungi dal riuscire a mangiare, faremmo fatica a non vomitare. Se non riusciamo nemmeno a guardare queste cose, allora mangiare il prodotto finale di questo processo non è poi qualcosa di così naturale, accettabile, ammissibile, giusto.
Un animale ucciso ci provoca repulsione, non appetito. Un animale carnivoro mangia la sua preda cruda, in ogni sua parte, col sangue ancora caldo e pulsante, e non sente in alcun modo ribrezzo. Per lui è cibo. Per noi no. Noi dobbiamo tagliare il cadavere a pezzi, eliminare tutto il sangue, scartare certe parti e nascondere a noi stessi che si tratta di un cadavere.
Certo, ci sono anche alcun persone che possono provare a piacere nel vedere sofferenza, sangue, morte, violenza, sopraffazione. Ma sono una minoranza, sono persone sadiche. Tutti gli altri non amano assistere a questi crudeli spettacoli, e non riuscirebbero di certo a farlo durante il pasto.
Se poi riflettessimo sul fatto che praticamente in ogni pezzo di carne e sulle uova c’è una certa quantità di feci, e di pus nel latte e latticini, e che latticini e uova non sono altro che l’escrezione mammaria e il risultato del processo di ovulazione di alcune specie animali… tali prodotti risulterebbero ben poco appetibili, se non ci dessimo molto da fare per nascondere a noi stessi questi aspetti e non ci fossimo culturalmente “abituati” in maniera forzata.
Tutto questo non accade con i prodotti vegetali. Non c’è nulla nei vegetali e nella loro coltivazione che ci possa causare ribrezzo, disgusto o pena. Non c’è bisogno di alcuna costruzione culturale e rimozione di fatti imbarazzanti o nauseanti.
L’etica già ci insegna quanto sia sbagliato far soffrire e uccidere un essere senziente per un mero e superficiale piacere personale. Ma l’argomento del “veganismo viscerale” ci dice qualcosa di più: ci dice che anche “di pancia” sentiamo sbagliata la violenza sanguinaria inflitta agli animali per renderli “cibo”.
Allontanarci da questa violenza, e fare la scelta vegan, è dunque qualcosa che mette d’accordo tutto quanto abbiamo dentro di più vero e meno artefatto: il nostro cuore, la nostra etica, il nostro senso di giustizia e anche le nostre sensazioni più viscerali, di pancia.”

Fonte http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=1491
Foto di Boligan

Annunci

8 pensieri riguardo “Veganismo viscerale

  1. Sono perfettamente d’accordo. Prima di mangiare o di indossare qualcosa io penso sempre: avrei potuto produrre io questa cosa che sto per mangiare/indossare? Se la risposta è no (come è ovvio per i prodotti di origine animale) allora, semplicemente, non lo faccio. E se penso ai miei cani e gatto e all’amore che provo per loro, non riesco a concepire che una gallina o un maiale non abbiano esattamente gli stessi diritti.

    Liked by 1 persona

  2. Molto interessante questa riflessione……il fatto di non riuscire a guardare, mentre si mangiano prodotti animali, il ciclo produttivo di quegli stessi “cibi” la dice davvero lunga! Non ci avevo mai pensato!
    Nascondere la verità agli occhi, è sempre quello il problema che crea inconsapevolezza! Nascondere la testa sotto la sabbia, non voler vedere la realtà, questo ci rende inconsapevoli e ci fa vivere come automi, nell’ingiustizia e nel degrado morale!
    Grazie per averci segnalato questo articolo, molto bello!
    Buona domenica
    Serena

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Serena, la sordità e la cecità è il vero cancro di questa epoca consumista e delirante. Se si guardasse e si ascoltasse di più con maggiore consapevolezza etica senza perdersi in sciocche apparenze modaiole e alimentari…tutto sarebbe più bello e naturale!
      Buona domenica anche a te e grazie del tuo contributo. 🙂

      Mi piace

  3. Che considerazione semplice! eppure non avevo mai notato questa cosa. E’ vero….io non posso pensare senza disagio e raccapriccio a che cosa era la carne in macelleria; le persone che vogliono mangiare carne contemporaneamente NON VOGLIONO pensarci altrimenti vivrebbero la solita emozione!

    Liked by 1 persona

    1. Cinzia…la nostra mente è la vera ed unica fautrice delle nostre azioni, sempre! Buone o cattive che siano! Molte persone non lo capiscono ed agiscono d’istinto senza pensare o riflettere, o peggio si lasciano condizionare…soprattutto in questo caso si commettono molti gravi errori!
      Cari saluti. 🙂

      Mi piace

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...