Sogno americano


Heaven's Gate
“Quando i conti sono alla pari…prevale la giustizia”.
I cancelli del cielo (Heaven’s Gate) è un film del 1980 scritto e diretto da Michael Cimino, autore che l’anno precedente era stato premiato con l’Oscar al miglior regista per Il cacciatore. La pellicola fu stroncata dalla critica cinematografica statunitense sia a livello qualitativo, sia per motivi ideologici, in quanto dissacrava il mito del sogno americano. Gli scarsi incassi a fronte degli alti costi di produzione contribuirono al fallimento della celebre casa cinematografica United Artists.

Harvard, 1870. Cerimonia della consegna dei diplomi universitari: James Averill e Billy Irvine sono due amici, entrambi appartenenti all’alta borghesia statunitense, giunti alla conclusione del loro percorso di studenti e ormai avviati alla vita adulta.

Contea di Johnson (Wyoming), 1890. Sono trascorsi vent’anni: James, divenuto sceriffo della Contea, lotta ora al fianco dei contadini immigrati dall’Europa dell’Est accusati di continui furti di bestiame ai danni dei grandi allevatori della zona. Quest’ultimi hanno assoldato molti mercenari per eliminare fisicamente quelli che considerano come semplici invasori, legittimati nel loro progetto di sterminio dal governatore dello stato, che ufficialmente garantisce il suo appoggio. Tra i potenti, James ritrova Billy alcolizzato e depresso, che vive soprattutto di ricordi nostalgici per la giovinezza lontana, mentre fra i killer c’è un certo Nate D. Champion, deciso a sposare la prostituta Ella, proprietaria di un bordello locale, di cui lo stesso sceriffo è innamorato.

Il film passò alla storia poiché costò il fallimento alla United Artists a causa degli enormi costi di produzione e degli scarsi incassi: costò infatti 44 milioni di dollari, mentre il budget iniziale ne prevedeva solamente 7 e mezzo, ed incassò negli USA solamente 3 milioni. Inoltre stroncò la carriera dell’allora promettente e visionario regista Cimino, autore appena due anni prima del pluripremiato Il cacciatore.
Mickey Rourke

La pellicola compare frequentemente nelle liste dei peggiori film della storia del cinema, anche se viene talora considerato un cult “maledetto”, le cui principali colpe sarebbero state quelle di cercare di sgretolare le fondamenta culturali del sogno americano e di denigrare l’alba del moderno capitalismo americano. A tal proposito in un’intervista concessa al New York Times nel 2012, Kris Kristofferson rivelò di aver udito all’epoca William French Smith, procuratore generale degli Stati Uniti durante l’amministrazione Reagan, dichiarare ai produttori del film che in futuro non si sarebbe dovuto più realizzare pellicole inerenti avvenimenti della storia americana ricostruiti da un’ottica negativa.

Il titolo della pellicola deriva dallo stanzone in cui un centinaio di slavi immigrati nel Wyoming si raccolgono per ballare e cantare nei giorni di festa. La sala è chiamata “Heaven’s Gate”, dove essi si riuniscono e agitano i fogli dei loro diritti e delle loro piccole proprietà. La trama è ispirata a un fatto storico realmente accaduto nella contea di Johnson e conosciuto con il nome di Battaglia di Johnson County. La contea di Johnson si trova nel Wyoming, uno stato all’avanguardia nei diritti civili essendo stato il primo al mondo a concedere il diritto di voto alle donne nel 1869.

Un bel film, non per tutti, fuori dalle righe, che smonta il mito del sogno americano…giustamente e con danno.

Nel film si segnala la prima collaborazione tra Michael Cimino e l’attore Mickey Rourke, qui in una piccola parte. Il film ha ispirato la poesia di Raymond Carver Il giocoliere de I cancelli del cielo dedicata a Michael Cimino.

Annunci

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...